Previous Next

I disegni dei bambini

Il disegno è parte della vita del bambino, e dell’adulto, fin da prima del compimento dell’anno di età. Quest’attività in età evolutiva ha una valenza prettamente ludica e trae impulso dall’imitazione dell’adulto o del bambino più grande, ma da essa possono trarsi molteplici informazioni di tipo relazionale e affettivo.

La psicoterapia utilizza sia in psicodiagnosi che in psicoterapia infantile: disegno della figura umana, disegno della propria famiglia, disegno dell’albero (Winnicott 2015).

Il bambino mentre disegna racconta il mondo reale così come lo conosce, e quello affettivo e di relazione.

Inizialmente il bimbo ha una prensione del mezzo grafico che esplicita con scarabocchi che a poco a poco, con le accresciute capacità fino-motorie, diventano più netti ed estesi nella superficie a disposizione, fino ad arrivare ai due anni in cui i segni sono più precisi e armoniosi e regolari.

Questi segni saranno, col crescere del bimbo, associati alla realtà in cui è immerso portando il disegno sul simbolico, quindi una rappresentazione e non più l’esecuzione di un semplice gesto motorio. Con l’accrescimento delle funzioni cognitive e delle abilità prassiche, il disegno diventerà da interpretazione successiva di un segno a decisione precedente al disegno stesso, dando il via all’ideazione, al primo momento artistico nella vita del bimbo.

In età scolare, seppure con accresciute competenze grafo‑motorie, permangono i tratti che legano il disegno all’età precedente, con un’evidente associazione tra tratto grafico al significato di ciò che rappresentanto. Tratti affilati e angoli acuti nelle linee di disegno di un soggetto, indicano la pericolosità dello stesso, sia che si tratti di un caldo sole nel deserto, che di un cattivo delle favole.

Bibliografia

  • Lucia Pizzo Russo. s.d. Il disegno infantile. Storia, teoria, pratiche. Aesthetica. Consultato 4 gennaio 2018.
  • Paola Federici. 2017. Io la mia casa la vorrei... Il disegno della casa reale e della casa ideale dei bambini a confronto. Franco Angeli.
  • Winnicott, Donald Woods. 2015. Colloqui terapeutici con i bambini: interpretazione di 300 «scarabocchi». Roma: Armando.
Copyright © 2017 Logopedia Cagliari. Dott. Piero Murenu - Logopedista